parallax background

iGoOn è mobility partner del Carnevale di Satriano

17/01/2017
Quattro amici, vent’anni e una Fiesta
27/12/2016
In Olanda i treni elettrici viaggiano grazie all’eolico
17/01/2017

iGoOn è mobility partner del Carnevale di Satriano

La Foresta che cammina: iGoOn vi accompagna in uno dei Carnevali più particolari d’Italia, tra tradizione, cultura e sostenibilità.

Si terrà sabato 25 e domenica 26 Febbraio 2017 il Carnevale di Satriano in Basilicata e, grazie a iGoOn, i partecipanti potranno raggiungere l’evento in carpooling offrendo o richiedendo un passaggio.

In questo paesino del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano da secoli si ripete una tradizione suggestiva e singolare: le persone si vestono da alberi. La maschera tipica è denominata Rumita (da “eremita”) ed è un uomo completamente ricoperto di edera, tanto da essere irriconoscibile, che tiene tra le mani un bastone con all’apice un ramo di pungitopo. L’ultima domenica prima del Martedì grasso, quest’anno il 26 Febbraio, i Rumita escono dal bosco e girano tra le strade del paese bussando alle porte delle case: portano un buon auspicio per la primavera che sta arrivando e in cambio ricevono doni. Dal 2014 l’associazione Al Parco insieme ai giovani satrianesi, prendendo spunto dalla cine-installazione “Alberi” di Michelangelo Frammartino proiettata al MoMA di New York, ha caricato di nuovi significati la maschera e organizza una Foresta che cammina composta da 131 alberi vaganti, simbolicamente uno per ogni paese della Basilicata. Chiunque può prendere parte all’invasione verde, diventare uomo albero per un giorno e farsi portavoce del messaggio ecologista di cui il Rumita è diventato ambasciatore: ristabilire un rapporto antico con la Terra.

Il programma nel dettaglio prevede nel pomeriggio di sabato 25 Febbraio la sfilata allegorica con le maschere tradizionali dell’Orso, della Quaresima, del corteo nuziale del Matrimonio con lo scambio dei ruoli e dei carri ecologici non motorizzati. Domenica 26 Febbraio è il giorno del Rumita. Dalle prime luci dell’alba alcuni uomini albero, spontaneamente, usciranno dal bosco coperti di edera e andranno di casa in casa a lasciare un buon auspicio in cambio di un dono. Nel pomeriggio è previsto l’appuntamento imperdibile con la Foresta che cammina che, partendo dal Bosco Spera, colorerà di verde le strade del paese. Il Carnevale di Satriano è un evento green: verranno boicottate le stoviglie monouso con bicchieri riutilizzabili anche nei bar interessati dalle sfilate nei giorni dell’evento, verrà utilizzata carta a marchio FSC per la stampa del materiale promozionale, verranno scelti prodotti di stagione a filiera corta e chilometro zero, saranno piantati alberi per compensare le emissioni di CO2 causate dall’organizzazione, verrà prestata massima attenzione alla raccolta differenziata.

Le Maschere Tradizionali

La tradizione del Rumita
Il Rumita (eremita) è un uomo vegetale completamente ricoperto da foglie di edera, albero vagante, maschera silente che l’ultima domenica prima del martedì grasso gira tra le strade del paese strusciando il “fruscio” sulle porte delle case. Chi riceve la visita del Rumit rispetta il suo silenzio e in cambio di un buon auspicio dona qualcosa.

due_rumita

L’Urs (orso)
 La maschera dell’Urs veniva utilizzata per vendicarsi di un torto subito. Il giorno del Carnevale indossate le pelli e divenuto anonimo, il satrianese poteva restituire un torto subito e in questo modo risolvere i conflitti sociali. L’interpretazione e la simbologia sull’Urs è cambiata nel corso degli anni.

orsi

Il capo orso
Negli ultimi anni una nuova maschera è diventata centrale nel Carnevale di Satriano: si tratta del pastore capo orso, un personaggio che tiene le redini di tutti gli orsi e li conduce in giro per le strade del paese.

caporoso-canta

La Quaresima
La Quaresima è una donna vestita di nero con un smorfia rossa disegnata dalla bocca fino alle guance. E’ interpretata anche da maschi. Piange la fine del Carnevale imminente e porta in testa una culla dove all’interno c’è un nascituro concepito durante il periodo di Carnevale e di cui non si conosce il padre.

giovani_quaresime

A Zita
E’ la rappresentazione del matrimonio con lo scambio dei ruoli: i maschi fanno le femmine e viceversa. Partecipano al corte nuzionale, oltre agli sposi, i testimoni, i genitori, i nonni, i parenti e gli amici insieme a prete e chierichetti.

zita

Le follette
Da quando è stata introdotta la Foresta che cammina, gli ospiti sono stati invitati a partecipare attivamente travestendosi da abitanti del bosco. E’ così che sono nate le follette, la maschera più recente!

folletta

I musicisti spontanei
Durante i giorni di carnevale le strade di Satriano sono invase da musicisti spontanei che accompagnano le maschere e partecipano alle sfilate suonando musica tradizionale.

organettiste_satriano

La compagnia della Varroccia
Con i cavalli e i carri della Compagnia della Varroccia di Pignola viene trasportato in maniera ecologico il vino durante le sfilate.

donatello vino

Per info sulle strutture ricettive, sull’area camper, sui ristoranti che proporranno menù con i piatti tipici tradizionali del Carnevale, sull’ospitalità gratuita prevista per i figuranti, sui mercatini dei prodotti lucani, scrivere a carnevaledisatriano@gmail.com o contattare i numeri di telefono 3295320026 – 3277722142 – 3286991733.
Per aggiornamenti seguire il sito oppure la pagina FB Carnevale di Satriano.

L’evento è organizzato dall’associazione Al Parco in collaborazione con il Comune di Satriano, il Parco Nazionale Appennino Lucano, l’APT Basilicata, associazioni, volontari e aziende private.

Scarica iGoOn e raggiungi il Carnevale di Satriano in carpooling!

androidbuttoniosbutton

Condividi questo articoloShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Tumblr
Giacomo Scamardella
Giacomo Scamardella
Comunicatore, organizzatore di eventi culturali, copywriter, amante della sostenibilità e community manager per vocazione. Di mentalità estremamente aperta, ha studiato e lavorato fra Firenze, Parigi e Amsterdam facendo sempre ritorno con una valigia più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *