parallax background

Non sprecare soldi con la benzina premium

Energia in viaggio
24/10/2016
Un mondo meraviglioso
Un mondo molto più meraviglioso
25/10/2016

La benzine premium è un tipo di carburante il cui contenuto di ottani è superiore a quello che si trova nelle comuni benzine: generalmente 100 contro 95. Questa differenza garantisce, secondo i produttori, migliori prestazioni e questo comporta, ovviamente, un incremento del costo.

Come se quelle standard non costassero già abbastanza. La differenza c’è e si sente però solo nel portafogli: in media fra il 20 e il 25% in più in cambio di un’utilità nulla a meno che non si possieda un’auto o una moto ad alte prestazione. A sostenerlo, fra gli altri, Altroconsumo, l’associazione italiana dei consumatori.

Un passo indietro. Un maggiore numero di ottani contenuti in una benzina ne aumenta la resistenza alla detonazione: hanno dalla loro la caratteristica di legarsi all’ossigeno più velocemente garantendo un’accensione più rapida. Tutto questo era un problema decine di anni fa quando i motori non erano standardizzati: in America negli anni sessanta alcuni produttori avevano in vendita più di sette tipi di benzina diversa per coprire le esigenze di altrettanti tipi di motori.

La benzina premium deve essere premium per un motivo. Effettivamente l’uso di una benzina con 100 ottani in un motore di una Jaguar o una BMW porta a migliori prestazioni in termine di accelerazione e velocità. Lo scenario però cambia drasticamente se la utilizziamo in un’auto progettata per benzina normale. I motori delle auto normali infatti sono pensati per far detonare la benzina solo a determinate condizioni: sotto i 90 ottani ci sono rischi per il motore poiché può avvenire una combustione prematura. Superati i 95 però la combustione avviene regolarmente anche se la benzina ha più ottani, senza effettivi benefici in termini di prestazione.

Premium non vuole dire necessariamente migliore. La trappola è ben tesa e i guidatori di una Panda o di una Fiesta possono essere tratti in inganno dal semplice nome. Non ci sono stime in Italia su quanto questo fenomeno sia diffuso ma in America nel 2015 più di 16,5 milioni di persone hanno usato almeno una volta la benzina premium in un motore che non ne beneficiava per niente, bruciando così 2,1 miliardi di dollari a beneficio delle catene che la commercializzavano.

Condividi questo articoloShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInShare on Tumblr
Francesco Carannante
Francesco Carannante
è nato a Napoli nel luglio dell'86 e ancora non è morto. Come occupazione principale misura cose al fine di assicurarsi che il mondo stia andando nella direzione giusta. Ha una tartaruga di nome Scheggia e un senso dell'umorismo strano. Quando non misura cose filosofeggia e viceversa.

Comments are closed.